spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Realizzato da Luigi Mariani. Inaugurazione con il cardinale Betori l’8 dicembre

    IMPRUNETA – Una vetrina per l'azienda, la Mital di Angiolo Mariani e figli. Ma, ovviamente, anche per tutta la produzione della grande terracotta imprunetina.

     

    E' stato infatti installato nei giorni scorsi il tradizionale Presepe in cotto realizzato dalla Mital di impruneta (nella foto sopra, scattata e gentilmente concessa da Claudio Guardi), nello splendido scenario di piazza Duomo.

     

    Quest’anno alle statue della Madonna, di San Giuseppe e del Bambino Gesù si sono aggiunte quelle del bue e dell’asinello: tutti pezzi unici, realizzati a mano da Luigi Mariani, che le ha donate all’Opera di Santa Maria del Fiore. Altra novità è l’allestimento del presepe ispirato alla pittura fiorentina del Tre-Quattrocento.

     

    Il presepe sarà benedetto dal Cardinale Giuseppe Betori domenica 8 dicembre e resterà visibile fino all’Epifania, quando in occasione della “Cavalcata dei Magi”, le figure in terracotta saranno sostituite per un giorno da persone e animali viventi.

     

    Questo tipo di sculture del presepe della cattedrale di Firenze si inseriscono nell’antica tradizione fiorentina della lavorazione della terracotta che, in ambito artistico, è nata a Firenze agli inizi del Quattrocento col recupero di questa antica tecnica da parte di Donatello e Brunelleschi.

     

    Una presenza, quella del cotto imprunetino nel cuore di Firenze, che oltre a dare calore con una natività coi colori accoglienti del cotto, può rappresentare anche un buon auspicio per la rinascita di un settore che, soprattutto nella sua componente più industriale, vive una crisi mai vista prima.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...