spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presidenza… vacante. Decisione rimandata con voto unanime da parte di tutti i gruppi

    IMPRUNETA – Prima seduta del nuovo consiglio comunale di Impruneta, andata in scena nel pomeriggio di oggi, giovedì 13 giugno, nella rinnovata sala consiliare del palazzo in piazza Buondelmonti. Oltre agli adempimenti di rito, giuramento del sindaco Alessio Calamandrei in primis, si è proceduto all'espletamento dei vari punti all'ordine del giorno.

     

    Rimandata (all'unanimità) l'elezione del presidente del consiglio comunale. Per Il Coraggio di Cambiare il consigliere Sandro Bressi ha letto un suo primo intervento, in cui ha richiamato al confronto sindaco e maggioranza, "visto che i voti raccolti da tutte le opposizioni rappresentano la maggioranza degli imprunetini".

     

    Per il Pd (capogruppo Paolo Magnelli, vice Milo Messeri) saluti e auguri di rito da parte di Lillian Kraft, con la "volontà di procedere in un cammino il più possibile condiviso. Tanto che abbiamo proposto di rimandare la nomina del presidente del consiglio comunale e delle commissioni. E' chiaro che la collaborazione dovrà essere tangibile, spero che ci siano posizioni diverse rispetto a quegli aut aut che sentiamo anche oggi".

     

    Francesca Socci, la più votata fra i consiglieri comunali (eletta per Il Coraggio di Cambiare) ha ringraziato "i cittadini che ci hanno supportato in campagna elettorale. Il risultato ha rappresentato per la maggior parte del nostro comune un segnale chiaro di richiesta di cambiamento. Lavoreremo per un'opposizione seria e costruttiva, disponibili a collaborare sui temi che riteniamo utili a migliorare la vita dei cittadini di Impruneta".

     

    Poi un richiamo al sindaco: "Ci è parso grave il fatto che non sia stato assegnato chiaramente un assessorato all'ambiente, visto che parliamo di temi vitali e fondamentali. Convinti che non si sia fatto abbastanza fino ad oggi qui a Impruneta".

     

    Riccardo Lazzerini (capogruppo di Il Coraggio di Cambiare) ha augurato "buon lavoro a tutti, consapevoli che il lavoro da fare è tanto. Riprendo il tema dell'ambiente e dell'importanza di vigilare su quanto accadrà a Testi: quel polo è a un soffio da Impruneta e non vorrei che il soffio dell'inceneritore arrivasse… fin da noi".

     

    Opposizione che si è astenuta compatta sulla presa d'atto della nomina della giunta comunale: una sorta di apertura di credito nei confronti del sindaco, visto che nessuno si è espresso con voto contrario.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...