spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il commento post-primarie Pd del movimento civico Indignamoci

    Un risultato che piace anche a chi non si è alleato con il Pd quello delle primarie che domenica 7 aprile hanno visto trionfare Alessio Calamandrei (in foto) davanti a Marco Pistolesi (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    E' il caso di Indignamoci, la lista civica che avrebbe dovuto far parte della coalizione a quattro, "Impruneta Bene Comune", con Pd, Sel e Psi. Che però poi si è sciolta per volere dello stesso Partito democratico, venuto ai ferri corti per settimane con Sel.

     

    "Il movimento di volontariato politico per Impruneta Indignamoci – sottolineano – si complimenta con Calamandrei per l’affermazione ottenuta alle primarie del Pd e si augura che, con questa vittoria, finalmente a tutte le forze politiche operanti sul territorio sia permesso di dare un fattivo contributo alla rigenerazione dell’amministrazione, pur nei distinti ruoli di maggioranza e di opposizione che saranno assegnati dalle prossime elezioni".
     

    "Il movimento – concludono – constata con piacere la richiesta di rinnovamento che emerge dallo stesso elettorato del partito fin qui dominante e si augura che il coraggio di cambiare prenda sempre più forza".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua