spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ha preso il via “Il Recuperalibri”, organizzato dal Comitato dei Genitori del “Primo Levi”

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – L'iniziativa si chiama "Il Recuperalibri – Nuova vita ai libri scolastici usati", ed è stata organizzata dal Comitato dei genitori dell'Istituto Comprensivo "Primo Levi" di Impruneta.

     

    E' rivolta a tutti gli studenti delle quinte elementari e delle terze medie: il servizio è appunto destinato ai primi, che potrebbero usufruire dei libri ceduti dai secondi.

     

    "Grazie alla collaborazione fra studenti e famiglie – dicono i genitori del Comitato – l'iniziativa aiuterà ad attivare pratiche virtuose, destinate al rispetto del libro e al suo riuso, al risparmio e recupero, promuovendo così anche attività tese alla salvaguardia ambientale".

     

    La consegna e il ritiro devono essere effettuate presso la sede della Pubblica Assistenza a Tavarnuzze, in via della Repubblica 70: il servizio è attivo dal 26 giugno fino a metà settembre (escluso il mese di agosto). Tutti i mercoledì dalle 9 alle 13, tutti i giovedì dalle 15 all1 18.30: ci saranno i volontari del Comitato dei genitori pronti ad accogliere e distribuire i libri.

     

    I libri si possono consegnare e ritirare anche presso l'Sms Corale di Impruneta, in via Mazzini, ogni sabato mattina dalle 9.30 alle 13.

     

    I libri troppo rovinati verranno venduti al consorzio di riciclo della carta, e la somma recuperata verrà devoluta all'istituto comprensivo; lo stesso "percorso" lo potranno fare eventuali donazioni lasciate al Comitato.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...