spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 18 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Telefonico, in corso in questi giorni: chiede chi si vorrebbe per sindaco. Ma lui… non c’è

    E' letteralmente furibondo Alessio Calamandrei, candidato alle primarie del Partito democratico domenica 7 aprile, per contendere il ruolo di candidato a sindaco del Pd a Marco Pistolesi.

     

    Tanto da dire che "domani mattina andrò alla Stazione dei carabinieri di Impruneta per capire se ci siano gli estremi per sporgere denuncia nei confronti di ignoti".

     

    Poi ci spiega il motivo della sua rabbia, alimentata anche da "continue segnalazioni ricevute da cittadini imprunetini". Un sondaggio telefonico in cui si chiede agli intervistati chi vorrebbero come sindaco di Impruneta: e nella griglia dei papabili… lui non c'è. C'è invece il suo contendente alle primarie.
     

    "Non so da chi sia stato commissionato il sondaggio telefonico che negli ultimi giorni sta coinvolgendo centinaia di cittadini – dice Calamandrei – Ribadisco la mia partecipazione alle primarie del Pd che si svolgeranno il 7 aprile ad Impruneta. Il fatto che il mio nome non sia nei nominativi dei candidati a sindaco, fa pensare ad un boicottaggio nei confronti del sottoscritto, facendo spesso credere, a chi chiedeva chiarimenti, che i nomi erano quelli da loro elencati e basta".

     

    "Molti cittadini – e qui sta la solenne arrabbiatura – mi hanno chiamato arrabbiati chiedendo il perché del mio ritiro. Nego con tutte le mie forze che io mi sia ritirato, e pur cercando di capire chi fosse la società che sta facendo il sondaggio non sono purtroppo riuscito nell’intento di mettermi in contatto con loro per smentire quello che stanno dicendo. Facendo passare quindi una comunicazione falsa, ed un sondaggio per niente veritiero".
     

    "Ribadisco – conclude – la mia candidatura alle primarie del 7 aprile. E invito tutti quanti ad andare a votare".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...