spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli studenti del Liceo “Rodolico”… addetti stampa della Cdp di Tavarnuzze

    Il circolo ha accolto per il secondo anno questa iniziativa. La presidente Beneforti: "Siamo molto soddisfatti"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Nel contesto del progetto scuola-lavoro, la casa del popolo di Tavarnuzze ha dato una grande opportunità agli studenti del liceo "Niccolò Rodolico": quella di mettersi alla prova come come addetti stampa.

     

    Il progetto scuola-lavoro è stato introdotto con la Riforma “Buona Scuola” e prevede l’alternanza scuola e lavoro come modalità di realizzazione dei percorsi scolastici, al fine di facilitare, in futuro, l’ingresso nel mondo del lavoro.

     

    La casa del popolo di Tavarnuzze ha fin da subito accolto positivamente questa opportunità, giunta oggi alla seconda edizione.

     

    L’esperienza pilota risale infatti allo scorso giugno, che ha lasciato entusiasti sia gli studenti sia i membri della CdP, ad iniziare dalla presidente Ida Beneforti (in foto).

     

    “Sono molto contenta di questa seconda edizione e ho proseguito volentieri l'esperienza iniziata la primavera scorsa. Il fatto che questo progetto si stia allargando anche ad altre associazioni presenti all’interno della casa del popolo mi rende ancor più felice” ci spiega soddisfatta.

     

    La redazione “junior” è composta da due giovani studentesse, Chiara e Luisa, che intratterranno con notizie di danza, sport, conferenze, enogastronomia e quant’altro ancora.

     

    Una bella iniziativa dunque quella della casa del popolo di Tavarnuzze, che ha ben saputo cogliere l’intreccio tra le scelte educative della scuola e le personali esigenze formative degli studenti.

    di Costanza Masini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...