spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autopalio, dopo l’incidente mortale: troppi casi su quella rampa maledetta

    In quel breve tratto a Firenze-Impruneta, negli ultimi mesi tanti scontri. Fra autocarri ribaltati e fiamme

    IMPRUNETA – Dolore. Tanto dolore. Per un pomeriggio come tanti che all'improvviso è diventato di morte. E di lutto.

     

    L'incidente mortale che lunedì 27 gennaio ha visto morire A.C., 49enne residente nel comune di Impruneta, è tornato ad eccendere i riflettori su un punto dell'Autopalio in cui troppi iniziano ad essere i sinistri.

     

    # Incidente in Autopalio: muore un 49enne (di Impruneta) sulla rampa d'ingresso

     

    Nei casi precedenti la fortuna, il caso forse, avevano fatto sì che le conseguenze non fossero così drammatiche. Stavolta invece, purtroppo, si è verificato il peggio.

     

    E allora quella rampa di accesso-uscita (dipende da che parte la si guarda) della Firenze-Siena da Firenze-Impruneta, nella nuova conformazione post by-pass del Galluzzo, crea interrogativi sempre maggiori.

     

    Nell'ottobre dello scorso anno l'impatto fra due auto, proprio sotto al ponte che dal bypass porta alla rotonda, sotto al quale passa proprio la rampa dell'Autopalio, aveva causato un incendio.

     

    Fi-Si, un incubo: cronaca (e video) di un giovedì di fiamme, paura e code

     

    Un altro incidente potenzialmente gravissimo, che si era risolto per fortuna senza gravi conseguenze per le persone coinvolte, si era verificato sempre nello stesso punto nel giugno del 2017.

     

    Quella volta solo un mezzo miracolo aveva salvato l'autista di uno dei mezzi pesanti coinvolti.

     

    # Incidente svincolo Autopalio, i retroscena: cabina di uno dei Tir sfiorata da barra di metallo

     

    Questo solo per raccontare i casi più gravi. Altri sono stati poi i piccoli incidenti che, in maniera continuativa, vanno a interessare queste poche decine di metri. Fra la rotonda di Firenze-Impruneta e l'inizio della carreggiata della Fi-Si vera e propria.

     

    Ogni sinistro, lo sappiamo bene, ha una sua storia, dinamiche, responsabilità. E sta alle autorità di polizia prima e giudiziarie poi stabilirlo.

     

    Ma una riflessione su come è stato realizzato questo tratto, se davvero ci siano dei rischi per la sicurezza delle persone, forse andrebbe davvero fatto una volta per tutte. Da Anas in primis.

    di MATTEO PUCCI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...