spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Recupero integrale scuola via Roma e affidamento Barazzina: le nostre proposte”

    Sei consiglieri comunali: "Non possiamo permetterci una scuola a scadenza, aperta per metà e con un tetto del Settecento. Pagoda e Barazzina: riprendiamo l'idea dell'ex assessore Francesca Buccioni"

    IMPRUNETA – “Nel consiglio comunale di oggi, martedì 29 giugno saranno, discusse due mozioni che abbiamo presentato con lo scopo di avanzare proposte concrete e fattibili per il territorio”.

    Lo annunciano i consiglieri comunali di opposizione Alessandro Giovannini, Gabriele Franchi, Matteo Zoppini, Leonardo Rossi, Roberto Viti, più quella di maggioranza Chiara Innocenti.

    “Con la prima mozione – spiegano – che riprende quella già presentata circa un anno fa, torniamo a chiedere di recuperare integralmente la scuola materna di via Roma, a partire dal rifacimento del tetto”.

    “L’anno scorso – ricordano – la maggioranza aveva bocciato il nostro testo proponendo invece di creare un fantomatico “tavolo tecnico” per valutare gli eventuali interventi sulle scuole del territorio”.

    “Come prevedibile – rilanciano i sei consiglieri comunali – questo tavolo non è mai stato creato, e dal momento che il progetto del nuovo plesso ai Sassi Neri poche settimane fa è definitivamente morto, recuperare via Roma si presenta a maggior ragione come un’urgenza non più rimandabile, oltre che l’unica soluzione possibile per i bambini della materna a Impruneta”.

    “Non possiamo più permetterci – denunciano – di avere una scuola a scadenza aperta per metà e con un pericolante tetto del Settecento”.

    “L’altra mozione – proseguono – riguarda invece la Pagoda in Barazzina, chiusa da tempo e legata negli ultimi anni a folli bandi voluti dall’amministrazione per aprirci un bar e appioppare al malcapitato gestore la manutenzione di tutto il parco pubblico”.

    “Noi – suggeriscono – chiediamo di smetterla definitivamente con questo tipo di bandi, e soprattutto ci poniamo in maniera costruttiva: proponiamo di avviare al più presto un percorso condiviso in sede istituzionale per studiare, valutare, capire i costi, comprendere l’effettiva fattibilità di una soluzione di affidamento della Pagoda ad una o più associazioni del territorio”.

    “La miglior prospettiva – indicano – nell’ottica di un utilizzo della struttura che possa portare a vantaggi per la collettività ed avere una funzione sociale e aggregativa, sarebbe quella appunto di stipulare una convenzione con un’associazione del territorio, effettuando magari prima un passaggio partecipato con la cittadinanza”.

    “Un esempio – puntualizzano – potrebbe essere il progetto che l’allora assessore alla pubblica istruzione Francesca Buccioni propose a livello di giunta e di uffici nella primavera 2015: riportare nel centro del paese l’Auser/ Rete di Solidarietà, una attività sociale e aggregativa (per uno spaccato di età della popolazione) che con la sua presenza potrebbe garantire anche un “sano presidio” per un parco pubblico frequentato per lo più da bambini, anche all’entrata e uscita dalla scuola Paolieri”.

    “L’ottima idea di Buccioni – concludono – ci ha guidato nell’avanzamento di questa mozione, e ci auguriamo davvero, e per questa e per la mozione su via Roma, che da parte della maggioranza non ci sia un immotivato rifiuto a priori, poiché entrambe le proposte vanno nella direzione di portare benefici alla comunità imprunetina”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...