domenica 7 Giugno 2020
Altre aree

    Pozzolatico, il Comitato: “Addio Impruneta, vogliamo essere annessi a Firenze”

    Lettera al sindaco Calamandrei e a Nardella: "Ormai evidente la nostra marginalità nel territorio"

    POZZOLATICO (IMPRUNETA) – Una lettera ufficiale, protocollata ai rispettivi Urp, indirizzata al sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei e, per conoscenza, a quello di Firenze Dario Nardella.

     

    A scriverla il Comitato di Pozzolatico per la difesa del territorio. Una lettera che contiene una richiesta estrema: ovvero che venga indetto un referendum popolare con il quale sia data la possibilità di decidere se la frazione debba rimanere nel comune imprunetino oppure passare "sotto" Firenze.

     

    Una richiesta, si legge nella premessa, che arriva "in considerazione dell'evidente marginalità geografica e politico-amministrativa rispetto al capoluogo; dei disagi conseguenti a tale marginalità, come mancanza di marciapiedi, di una pensilina per le fermate del pullman e di collegamenti con il servizio Ataf, delle necessarie barriere anti rumore sull'A1".

     

    Si ricorda anche il "ritardo atavico per l'apertura di una modesta bretella fra la via Imprunetana per Pozzolatico e la via di Riboia, resa accessibile nella primavera del 2017 ma messa in cantiere nello scorso millennio".

     

    E' impietosa l'analisi dei cittadini del Comitato. E tocca anche "l'esistenza di un Piano Strutturale e di un Regolamento Urbanistico del tutto disallineati dalle direttive regionali di salvaguardia del patrimonio naturalistico e artistico archeologico (si pensi alla pieve medievale)".

     

    Si ricorda "la recente adozione di un Piano Attuativo (TRR02) che andrebbe a soffocare il denominato "centro storico minore" (che annovera poco più di 300 abitanti), nonché invalidare le indicazioni della Regione riguardo ai vincoli paesaggistici e a violare le norme relative ai vincoli cimiteriali".

     

    Infine si ricorda che l'adiacente Comune di Firenze "con il nuovo Regolamento Urbanistico ha saggiamente adottato il cosidetto volume zero".

     

    Da qui, la richiesta, "di avviare secondo le procedure di legge l'iter per un referendum popolare che permetta alla cittadinanza di esprimersi in merito all'annessione di Pozzolatico al Comune di Firenze".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Leggi anche...