spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere del M5S Bianchi: “Se si continua, pronti a barricate e altro: ne siamo capaci”

    IMPRUNETA – Un'accurata riflessione che arriva a oltre tre mesi dalle elezioni amministrative imprunetine, che hanno visto il MoVimento 5 Stelle entrare per la prima volta in consiglio comunale con il suo candidato sindaco, Francesco Bianchi.

     

    Ed è proprio Bianchi che, alla vigilia di un autunno che si annuncia davvero caldo nella sala consiliare tavarnellina, dà le sue valutazioni su questa esperienza.

     


    "Ognuno politicamente ha il suo ruolo – inizia Bianchi – Alla maggioranza si governa e si fanno scelte, all'opposizione si fanno proposte, critiche e su temi per cui è opportuno perché reputati fondamentali, si fanno battaglie. Il posto principe ove si decide è il consiglio comunale. Dialogare e spiegare idee e progetti è la strada più auspicabile per arrivare a soluzioni condivise ma per motivi diversi alcune volte le strade si dividono".

     

    "Fatta questa doverosa premessa – entra nel merito Bianchi – le decisioni prese in consiglio vanno applicate. Se non si e' in grado politicamente l'amministrazione si deve dimettere se non ci sono i soldi (ne le idee) il Comune va commissariato.Trovo stucchevole invece il far finta di pensare a certe cose ed invece non fare molto o addirittura distogliere l'attenzione sul problema buttando una sorta di fumo negli occhi per confondere e non convincere. Il tempo del rodaggio di questa amministrazione (se di rodaggio si può parlare) è giunto quasi al termine".

     

    Poi spiega a cosa fa riferimento: "Mi riferisco a due temi importanti, discussi e quasi condivisi con la maggioranza: la piazza di Tavarnuzze e la sicurezza dei cittadini (furti e aggressioni). I due osservatori, che dovrebbero portare a soluzioni condivise con una possibile variante in un caso e con una reale sorveglianza e abbattimento del crimine nell'altro, che fine hanno fatto? Nessuno sa più nulla nemmeno un comunicato che spiega questo fragoroso silenzio".

     

    "Non mi sembra – rilancia – che chi "governa" stia facendo seguito alle esigenze, alle richieste di popolazione e opposizione. Non voglio pensare che con questi due nomi "osservatorio" o "tavolo" si pensi di aver risolto il problema, andando avanti in solitudine e non affrontando il tema come deve essere affrontato. La tanto sbandierata partecipazione parte proprio dal confronto politico con chi rappresenta e con gli stessi cittadini".

     

    "Spero di sbagliarmi – conclude Bianchi – credo quindi ci sia un piano e una successiva azione, un confronto, un'idea su cosa fare e un progetto per realizzare e che ne saremmo informati a brevissimo. Le cose possono essere portate avanti in parallelo e l'amministrazione non è composta solo dal sindaco. Concludo quindi dicendo che se gli osservatori e i successivi atti e fatti per arrivare a soluzioni condivisibili o almeno spiegate e logiche, fossero solo fumo negli occhi, allora pronti alle barricate, alla piazza e non solo: ne siamo capaci".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...