spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rimpasto giunta, veleni infiniti. Risaliti: “Il sindaco azzera i soldi alle associazioni”

    Le accuse dell'ex vicesindaco: "Il sindaco sta togliendo tutti i finanziamenti per le manifestazioni e per il turismo"

    IMPRUNETA – Se il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei pensava che il maxi rimpasto di giunta, che ha visto l'avvicendamento di 4 assessori su 5, potesse avvenire senza scosse di assestamento… ha fatto male i conti.

     

    Perché è in particolare l'ex vicesindaco, Joele Risaliti, a rincarare con bordate continue: l'aver rotto il patto delle primarie del Pd, l'aver condotto il rimpasto senza confronti. Tante le accuse mosse da Risaliti a Calamandrei. E l'ultima della serie riguarda le vecchie deleghe dello stesso Risaliti.

     

    "In questi giorni – dice – sono stato informato da più parti che, su proposta del sindaco, sono stati azzerati tutti gli stanziamenti di bilancio  per contributi alle associazioni e manifestazioni culturali, e turismo.  Io sono rimasto basito da questa notizia.  E sono molto molto preoccupate tutte le associazioni del nostro territorio che organizzano le manifestazioni d'interesse culturale e turistico, tra cui, solo per fare qualche esempio, il Corteo storico di Tavarnuzze, la Festa dell'Uva e la Fiera dell'Impruneta". 

     

    "Infatti – prosegue Risaliti – come tutti sanno, le manifestazioni e le iniziative culturali e turistiche si programmano con molto anticipo in collaborazione tra le associazioni e l'amministrazione comunale, e così, assieme al calendario degli eventi si concordano anche gli importi dei contributi in base alle disponibilità stanziate in bilancio, contributi che poi vengono assegnati con delibere di giunta". 

     

    "Fino al 30 giugno – rilancia – eravamo tutti d'accordo, tanto che avevamo già definito la programmazione degli eventi e dei contributi alle associazioni fino a tutto il dicembre 2016, in base agli stanziamenti di bilancio già concordati e deliberati.  Quindi tutte le associazioni avevano un quadro chiaro di tempi per lavorare e di risorse su cui poter contare, così come normalmente si fa in tutti i Comuni.  E adesso che è successo? Cosa può essere cambiato in due settimane? Questo proprio non si capisce".

     

    "E di sicuro – rincara – c'è solo un grande sconcerto, ben giustificato, nelle associazioni e anche negli uffici comunali.  Questa confusione non serve a nessuno. Forse è il frutto di qualche strana “manovra di finanza creativa” fatta sul bilancio.  Certo, se poi questo è anche il primo atto del sindaco nel settore della cultura c'è davvero da preoccuparsi…".

     

    "Questa vicenda dei fondi azzerati – conclude Risaliti – non solo crea  imbarazzi e disagi nel campo delicato e importantissimo della vita associativa e culturale di Impruneta, Tavarnuzze e delle altre zone del nostro territorio, ma, a ben vedere, chiama in causa anche la gestione del Bilancio comunale e quindi dei soldi di tutti noi cittadini".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...