spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ritardi nell’avvio a Impruneta, Tavarnuzze e Ugolino: nota del Comune

    IMPRUNETA – Malumori a Impruneta per lo slittamento (doveva partire a dicembre come da lettera di Quadrifoglio alle famiglie) dell'avvio della raccolta rifiuti porta a porta nel centro di Impruneta, Tavarnuzze e Ugolino.

     

    Tanto che l'amministrazione comunale ha comunicato che si sarà certi della partenza quando si vedranno scomparire… i cassonetti dalle strade.

     

    "La data di inizio prevista per la raccolta porta a porta – fanno sapere dal Comune di Impruneta – partirà presumibilmente il 20 gennaio ma, nel caso di eventuali ritardi,  il segnale di avvio della nuova modalità di raccolta sarà la scomparsa dei cassonetti, eccetto la campana verde per la raccolta di oggetti in vetro, che non potranno essere ritirati a mano".

     

    "Operatori di Quadrifoglio – ricordano – muniti di tesserino di riconoscimento, stanno consegnando presso le abitazioni  il materiale informativo".

     

    "I sacchetti per i rifiuti organici e multimateriale – concludono – potranno essere ritirati presso l'Urp di Impruneta e, anche presso la Pubblica Assistenza di Tavarnuzze il martedì e il venerdì pomeriggio".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...