spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’amministrazione comunale imprunetina replica alle accuse lanciate da Lombardini

    "Le rondini continuano a entrare e uscire liberamente sotto i Loggiati del Pellegrino e nessuna rete sta impedendo l'accesso ai volatili".

     

    Replica con fermezza l'amministrazione comunale di Impruneta alle dichiarazioni riportate in una interpellanza di questi giorni del consigliere comunale Maria Teresa Lombardini, secondo la quale una rete impedirebbe alle rondini di uscire ed entrare come prima dai Loggiati del Pellegrino (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "La rete in questione (in foto) – proseguono dal palazzo comunale – è stata installata nei giorni corsi come rete di protezione dagli escrementi in vista dell'inaugurazione della mostra organizzata dalle locali fornaci del cotto. Proprio per consentire il passaggio libero delle rondini, la rete è stata posizionata in modo tale che rimanesse un'apertura da cui i volatili potessero passare senza costringimenti".

     

    "Inoltre – fa notare l'amministrazione – non di “rete da pollaio” si tratta come dichiarato dalla Lombardini ma di un'apposita rete in materiale sintetico". 

     

    "Per di più – si sottolinea ancora – la rete è stata posizionata in maniera temporanea: con la fine della mostra sarà infatti rimossa".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...