lunedì 1 Marzo 2021
Altre aree

    Rosa e “Ciuffo”: oggi, 60 anni fa, si sposavano. E oggi celebrano le loro nozze di diamante

    Sei figli e cinque nipoti per questa coppia d'acciaio, "adottata" dall'Impruneta. Pasquale infatti è originario di Cortona, in provincia di Arezzo, Rosa di Roccapalumba, in provincia di Palermo

    IMPRUNETA – Esattamente 60 anni fa Pasquale e Rosa si univano in matrimonio.

    Parliamo degli imprunetini Pasquale Fanicchi, conosciuto da tutti come “Ciuffo”, e Rosa Merlini.

    Entrambi imprunetini “adottati” in quanto “Ciuffo” è originario di Cortona, in provincia di Arezzo, e Rosa di Roccapalumba, in provincia di Palermo.

    Conosciuti da giovanissimi si sono subito innamorati e, a soli diciannove anni, hanno deciso di coronare il loro amore unendosi in matrimonio. Era esattamente il 19 gennaio del 1961.

    Dalla loro unione sono nati sei figli: Antonella, Rossana, Cinzia, Giusy, Simone e Sabrina

    Amati e circondati dall’amore dei figli e dei nipoti Lorenzo, Costanza, Gioia, Mavi e Michele
    purtroppo non potranno festeggiare con tutta la famiglia come avrebbero voluto a causa delle restrizioni per il Covid-19.

    Foto di famiglia… in tempi pre-Covid

    Ma l’appuntamento non è stato cancellato, solo rimandato al 61esimo anniversario!

    E, ovviamente, un grande abbraccio e augurio anche da parte di tutta la redazione del Gazzettino del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...