spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ruspe giocattolo per prendere in giro una foto postata su Facebook da Calamandrei

    IMPRUNETA – Si sa che una delle armi più incisive, in politica come in tanti altri settori della vita, è quella dell'ironia. Soprattutto quando è sottile, diretta, educata.

     

    Deve aver pensato a questo il capogruppo di opposizione (Il Coraggio di Cambiare) Riccardo Lazzerini quando ha visto, nei giorni scorsi, il post su Facebook del sindaco Alessio Calamandrei.

     

    Che postava la foto di una ruspa (la trovate nella fotogallery sopra) con queste parole: "Lavori parcheggio provvisorio lungo la Greve a Tavarnuzze prima dei lavori della piazza. E la ruspa c'è…".

     

    Non s'è fatto scappare l'occasione ed eccolo, "armato" con le ruspe giocattolo del figlio, ironizzare sulla cosa andando a posizionarle (fotografandole) in piazza Accursio da Bagnolo. "Anche in piazza Accursio da Bagnolo abbiamo la gru – scriveva a corredo delle foto – e sono iniziati i lavori di consolidamento".

     

    Insomma, è il messaggio di Lazzerini e di Il Coraggio di Cambiare al neo sindaco, poche foto e tanta sostanza: anche perché l'ironia poi è sempre pronta… a colpire.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...