spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il presidente della Pro Loco “batte” il Provveditore uscente 5 voti contro 4

    IMPRUNETA – Quella di ieri sera è stata una riunione di Magistrato storica per la Misericordia di Impruneta: dopo le elezioni infatti, i dieci rappresentanti che lo compongono avevano il compito di eleggere il Provveditore.

     

    E, non senza sorpresa, lo storico Provveditore uscente Piero Alfani (in foto), 73 anni, è stato messo sotto, di misura, da Silvano Salvatici, 71 anni, presidente in carica della Pro Loco di Impruneta.

     

    Che con 5 voti contro 4 (un voto è andato a Claudio Vestri, 55 anni) è stato nominato nuovo Provveditore della Misericordia di Impruneta.

     

    "Voglio fare qureto passo con grande riflessione – sono le prime parole di Salvatici – In quanto presidente della Pro Loco devo valutare anche su quello: lì stavo portando avanti un'opera di rinnovamento al termine della quale avrei lasciato. Magari adesso lascerò un po' prima… di quanto avessi messo in conto".

     

    "Ho ringraziato per la fiducia – conclude Salvatici – E visto che non posso accettare con riserva mi assumo l'onere. Chiarendo con tutti che io ci provo e mi metto alla prova: di sicuro posso solo promettere che non combinerò guai".

     

    Piero Alfani è, come detto, la storia recente della Misericordia di Impruneta, della quale era Provveditore da ben oltre dieci anni. Poche le battute che rilascia a caldo: "Non ci sono drammi da fare, è andata così".

     

    Probabilmente però a bocce ferme qualcosa… lo avrà da dire.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...