spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere di Il Coraggio di Cambiare: “Ma si poteva far qualcosa da tempo…”

    IMPRUNETA – Rivendica lo svolgimento della riunione fra i Comuni chiantigiani dei giorni scorsi come un "risultato della mozione presentata dal sottoscritto il 9 luglio sulla sicurezza urbana, e fatta propria (con voto unanime) da tutto il consiglio comunale nella seduta del 18 luglio".

     

    "Un tema – sottolinea il consigliere comunale del gruppo di opposizione Il Coraggio di Cambiare, Sandro Bressi – che sta raccogliendo attezione, a cominciare dal vertice tenutosi il 29 luglio fra tutti i sindaci del Chianti. Credo tuttavia che qualsiasi iniziativa in questa direzione poteva, anzi doveva, essere intrapresa già da tempo anche in considerazione del voto unanime che la mozione ha avuto nella suddetta seduta".

     

    "Questo atto – prosegue – è un primo passo verso la realizzazione di un percorso condiviso con tutti i cittadini, con le diverse associazioni e le forze dell’ordine per rafforzare la coesione e la solidarietà sociale anche tramite il controllo ravvicinato è questo l’intento che ha portato all’approvazione unanime della mozione e di un documento condiviso approvato nella medesima seduta consiliare che impegna l’amministrazione comunale ad avviare anche le ulteriori iniziative segnalate nella mozione".
     

    "Quello della sicurezza urbana – sottolinea Bressi – è un problema che interessa tutti e proprio per questo motivo abbiamo preteso che nel corso del consiglio comunale del 18 luglio venisse votata ed approvata impegnando, tra l`altro, il sindaco ad incontrare i suoi colleghi dei comuni limitrofi. E` nostro dovere impegnarci tutti per garantire una maggiore sicurezza ai nostri concittadini. L`attuale situazione necessita di immediate risposte e, per questo motivo, che al primo punto delle richieste riportate nella mozione ho chiesto che venisse subito richiesto un incontro del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica".

    "Dobbiamo occuparci concretamente del sentimento di insicurezza che si sta sollevando – rilancia – con l’obiettivo di aiutare i cittadini a ritrovare serenità nei luoghi dove vivono. Questo significa mettere in atto da parte nostra, sia come cittadini che come rappresentanti delle istituzioni locali, tutte le energie disponibili assumendo decisioni finalizzate a non promuovere scarsa fiducia nelle istituzioni. Dobbiamo puntare sulla collaborazione e sul coinvolgimento di tutti i residenti attivando partecipazione e dialogo, per rafforzare i legami tra cittadini e Istituzioni contando anche sulla presenza di forze dell’ordine e il sostegno della polizia locale".
     

    "L’amministrazione locale – conclude il consigliere comunale – non deve essere inerte di fronte a questo problema e, per tale motivo, abbiamo voluto sottolineare, con la mozione, l’ importanza di dovere assumere immediatamente tutte quelle iniziative possibili affinché l’allarme sociale di questo periodo possa rientrare nella normalità evitando e prevenendo eventuali gesti di giustizia fai da te inammissibili e inaccettabili".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...