spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Sapore di Sale”: inaugurata la mostra dell’associazione Art Art di Impruneta presso il Museo Festa dell’Uva

    Riunisce quaranta opere di quattordici artisti: rimarrà aperta al pubblico gratuitamente fino al 30 giugno

    IMPRUNETA – E’ stata inaugurata il 12 giugno scorso, presso il Museo Festa dell’Uva, “Sapore di Sale”, l’esposizione che riunisce quaranta opere di quattordici artisti dell’associazione Art Art di Impruneta.

    “Ci ritroviamo per il secondo anno consecutivo – ha dichiarato Riccardo Neri, presidente di Art Art – qui al Museo Festa dell’Uva. È la prima mostra del nuovo consiglio, recentemente insediato”.

    “Ci sono nuovi soci che si sono uniti – ha sottolineato – e cerchiamo di portare avanti quella eredità culturale che contraddistingue questa associazione. Un ringraziamento particolare a Tullio Del Bravo per l’impegno e la dedizione”.

    “Art Art è una storica associazione del territorio, che ringrazio per i tanti anni di attività svolta. Come amministrazione, stiamo mettendo in piedi un sistema museale circolare e diffuso intorno alla piazza principale, per un turismo di prossimità e per i tanti stranieri che in questi anni hanno trovato molte porte chiuse,” ha dichiarato il sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini.

    La mostra, aperta al pubblico gratuitamente fino al 30 giugno, è patrocinata dal Comune di Impruneta e dall’Ente Festa dell’Uva, con il supporto del Banco Fiorentino.

    L’esposizione sarà visitabile presso il Museo Festa dell’Uva in Piazza Buondelmonti a Impruneta con i seguenti orari: giovedì e venerdì dalle 17.30 alle 19.30, e sabato e domenica dalle 20 alle 22.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...