spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Cosa ha fatto in 6 anni da assessore e 10 in Provincia? Forse mira solo a un posto in giunta…”

    IMPRUNETA – E' uno scontro a tutto campo quello che ha preso il via a Impruneta poche ore dopo la chiusura delle cosiddette "convenzionali provinciali", ovvero il primo round del congresso nazionale che stabilirà chi è il nuovo segretario del Partito democrartico.

     

    Uno scontro interno allo stesso Pd di Impruneta, con "renziani" e "cuperliani" che non se le mandano certo a dire (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Uno scontro (in particolare dei "cuperliani") con l'opposizione di Il Coraggio di Cambiare e Riccardo Lazzerini, che in questi giorni non ha mancato di commentare quel che sta accadendo in casa del Partito democratico (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    E proprio a poche ore dall'ultima uscita di Lazzerini, ormai il teorico della linea dei "due Pd" a Impruneta, è il comitato di Cuperlo a replicare al capogruppo di opposizione.

     

    Insomma, i veleni congressuali interni al Pd (e in particolar modo a quello imprunetino) sbarcano dritti in consiglio comunale e si allargano a una battaglia politica che, a Impruneta, è sempre desta da mesi a questa parte.

     

    "È confortante – si legge in una nota – venire a conoscenza che al signor Lazzerini stanno a cuore le sorti del comune di Impruneta e dei suoi cittadini. Sarebbe oltremodo interessante capire che cosa intende il consigliere Lazzerini quando usa la parola "svolta"".

     

    L'arma è sempre quella dell'ironia: "Qualora si riferisse a scelte tecnico-amministrative che riguardano il Comune di Impruneta – sottolineano – forse sarebbe opportuno rammentare che Lazzerini, oltre ad aver svolto per 6 anni il ruolo di assessore, è da ben 10 anni che siede in consiglio provinciale su mandato del popolo di Impruneta. Quali siano i frutti concreti del suo personale operato in Provincia? Ai posteri l'ardua sentenza".

     

    "Ma forse – dicono ancora, paventando movimenti tesi alla cosiddetta… poltrona – il consigliere per "svolta" intende una "svolta politica", magari un allargamento della maggioranza a lui e al suo gruppo consiliare… forse un posto in giunta comunale? Tenga duro, finché c'è vita c'è speranza".

     

    "Figuriamoci poi – è la conclusione – se si vuole tappare la bocca a qualcuno! Magari, ci sarà chi ritiene più conveniente chinare la testa agli attacchi del signor Lazzerini: sappia che in noi troverà, invece,  un sempre loquace avversario politico".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...