spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scritte “Viva Pd” su auto di un 90enne a Impruneta, Lazzerini: “Fascistoidi dei nostri tempi”

    Il commento del candidato sindaco del centrosinistra (Impruneta Rip@rti): "Ho chiamato le figlie per esprimere tutta la mia solidarietà. Questo gesto offende tutti noi. Impruneta è altro. Non la infangherete"

    IMPRUNETA – Stamani la notizia, pubblicata dal Gazzettino del Chianti, dell’auto di un 90enne di Impruneta, di cui è nota la propensione politica per il Partito democratico, imbrattata con una vernice arancione e le scritte “Viva Pd”.

    Scritte che, pare del tutto evidente, sono state vergate a mo’ di “scherno politico” da vandali ignoti.

    A stretto giro ecco che arriva la presa di posizione di Riccardo Lazzerini, candidato sindaco a Impruneta con la lista di centrosinistra Rip@rti Impruneta, sostenuta anche dal Pd.

    Novantenne si trova l’auto imbrattata nella notte nella zona del Desco: con la scritta “Viva Pd”

    “Il proprietario di questa auto ha 90 anni – dice Lazzerini – Vive qui a Impruneta, al Desco. E’ un signore in gamba. Si occupa di sua moglie che ha l’Alzheimer”.

    “Guida la macchina – prosegue – Frequenta la casa del popolo. E’ un simpatizzante del Partito Democratico. E non lo nasconde”.

    “E allora – incalza Lazzerini – che fanno i fascistoidi dei tempi nostri? Prendono una bomboletta spray e gli danneggiano pesantemente la macchina”.

    “Ovunque – dice ancora – Sulla fiancata, sul cofano, sul tettuccio”.

    “Ho chiamato le figlie – fa sapere in conclusione – per esprimere loro tutta la mia solidarietà. Questo gesto offende tutti noi. Impruneta è altro. Non la infangherete”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...