spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo dice il coordinatore Massimo Bandinelli: “Una ricchezza per la coalizione”

    La questione è esplosa pochi giorni dopo la firma dell'accordo che ha sancito la nascita di una coalizione di centrosinistra in vista delle elezioni amministrative 2013, con Pd, Sel, Psi e Indignamoci.

     

    Un quadrilatero da cui è rimasta fuori l'Idv che, venerdì 21 dicembre, per bocca del suo coordinatore chiantigiano Raffaele Raimondo ha espresso tutto il suo disappunto (clicca qui): "Abbiamo chiesto al segretario del Pd di Impruneta Dino Lotti – sono state le parole di Raimondo – i motivi della nostra esclusione. Anche perché fra Idv e Pd era stato fatto un incontro conclusosi in maniera molto positiva: poi non ne abbiamo saputo più niente".

     

    La teoria che va per la maggiore è quella puramente numerica: con l'Idv in coalizione nella lista per i candidati al consiglio comunale ci sarebbe bisogno di uno spazio anche per loro.

     

    Ed è qui che entra in scena Massimo Bandinelli (in alto a sinistra nella foto) coordinatore di Sel Impruneta: "Chiediamo di ri-considerare immediatamente l'ingresso dell'Idv in coalizione. La sua adesione infatti rappresenterebbe una vittoria politica per il centrosinistra e un segno positivo per tutti".

     

    "Se davvero – conclude Bandinelli – il Pd non vuol considerare questa ipotesi per un puro calcolo matematico, allora ci diciamo disponibili a dare all'Idv uno dei nostro posti in lista".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...