spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio civile universale: otto posti disponibili presso la Pubblica Assistenza di Tavarnuzze

    Per una durata di dodici mesi a venticinque ore settimanali. Retribuzione di 507,30 euro mensili, domande entro il 15 febbraio 2024

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Con scadenza 15 febbraio 2024, la Pubblica Assistenza di Tavarnuzze partecipa, come ormai da sempre, al Bando per il Servizio Civile Universale.

    Otto i posti disponibili per una durata di dodici mesi a venticinque ore settimanali.

    “Un’esperienza che davvero può cambiare la vita – dichiara il presidente della PA tavarnuzzina Pietro Giannelli – Un percorso di crescita personale, senza dubbio non facile, ma pieno di emozioni da vivere”.

    La domanda deve essere presentata online sul sito: https://domandaonline.serviziocivile.it.

    Per candidarsi sull’associazione di Tavarnuzze si deve cercare il progetto dal titolo: Assistenza Soccorso Firenze Prato 2023.

    “Da sempre diamo spazio ai giovani che desiderano mettersi in gioco, sia in termini di Volontariato, sia in termini di Servizio Civile – continua Giannelli – Le realtà come la nostra e come tutte quelle del Terzo Settore devono lasciare spazio alle nuove generazioni”.

    “Siamo in dovere di tramandare – dice ancora – quello che per la Regione Toscana e non solo è un fiore all’occhiello: il mondo del volontariato e di conseguenza lo spirito solidaristico verso le altre persone”.

    La retribuzione ministeriale è di 507,30 euro mensili ed è necessario per presentare la domanda essere in possesso delle credenziali SPID.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...