spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siccità, intervento per il salvataggio dei pesci nelle pozze della Greve nel centro di Tavarnuzze

    A cura della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea, insieme alla Protezione Civile della Pubblica Assistenza di Tavarnuzze

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Continua assiduamente l’attività di presidio del territorio e di successivo intervento da parte della FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea), ente convenzionato con Regione Toscana, e della Protezione Civile della Pubblica Assistenza di Tavarnuzze, a tutela della fauna ittica sul territorio di Impruneta.

    La profonda e continua siccità sta generando problemi incalcolabili in tanti settori.

    Ieri, mercoledì 13 luglio, i presidenti della Federazione Massimo Mecatti (regionale) e Mauro Evangelisti (provinciale), e il presidente dell’associazione, Pietro Giannelli, insieme ad altri volontari (Leonardo Spighi, Roberto Bacciotti, Roberto Calosi, Enrico Pecoraro) sono intervenuti proprio sul fiume Greve, all’altezza del ponte nel cuore di Tavarnuzze.

    Un’area nella quale si era creata una vera e propria pozza di acqua stagnante, che si sarebbe prosciugata totalmente causando così la morte dei pesci presenti.

    “Ringrazio la Federazione FIPSAS per la risposta immediata ed i volontari della protezione civile, sempre pronti ad intervenire” dichiara il presidente della Pubblica Assistenza Giannelli. 

    “La tutela della fauna ittica è davvero importante – continua – non solo per il fatto della salvaguardia dei pesci, ma anche per una questione igienico sanitaria pericolosa che potrebbe andare a crearsi davanti ad una negligenza”.

    Un’operazione non breve e complessa. Portata a termine con strumentazioni tecnologiche come gli storditori.

    Che ha portato alla raccolta di almeno dieci secchi pieni di avannotti e pesci adulti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...