spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Spedito a Luca Gasparri: “Speriamo non tu arrivi a domani”. L’autore lo ha chiamato per scusarsi

    IMPRUNETA – "Speriamo non tu arrivi a domani": questo l'inqualificabile testo dell'sms arrivato sul cellulare del presidente dell'Ente Festa dell'Uva Luca Gasparri nella serata di lunedì 30 settembre, il giorno dopo l'annullamento della sfilata di domenica 29 settembre.

     

    A spedirlo un rionale, evidentemente furibondo per l'annullamento della sfilata: non ne facciamo il nome, ma da più parti ci è stato chiesto di rendere nota questa vicenda perché si è andati davvero troppo, troppo oltre.

     

    Non ce lo ha chiesto, e teniamo ad evidenziarlo, Luca Gasparri, rimasto davvero sconcertato e amareggiato di fronte a quelle parole. Che sono andate ben oltre ogni rivalità, legittima arrabbiatura, polemica.

     

    Chi conosce il presidente dell'Ente Festa dell'Uva sa bene quanto equilibrio e quanta serenità cerchi di distribuire su una Festa che, per la sua stessa natura (la maggior parte delle volte in positivo) scalda gli animi. E sa bene l'amarezza che può aver provato nel leggere quell'sms sul suo cellulare.

     

    Aggravato dal fatto di essere stato spedito il lunedì, ovvero il giorno dopo l'annullamento. E se non sarebbe stato accettabile la domenica, con il sangue ancora ribollente nelle vene, ancor meno lo è il giorno dopo. Quando la testa avrebbe dovuto iniziare a prendere il sopravvento sulla pancia.

     

    Nessuna volontà di mettere all'indice chi ha spedito quell'sms, sia chiaro. Anzi, l'auspicio è quello di un incontro chiarificatore con il presidente dell'Ente. In modo che, anche se si rimarrà su posizioni diverse e idee contrastanti, si riporti serenità e reciproco rispetto.

     

    Leggere quelle parole, e chi scrive conosce da tempo personalmente Luca Gasparri, da favvero male al cuore. E alla Festa dell'Uva.

     

    E nel primo pomeriggio di mercoledì 2 ottobre, dopo alcune ore dall'uscita di questo articolo (e tanti commenti sulla rete) uno sviluppo positivo: l'autore dell'sms ha chiamato il presidente Gasparri scusandosi per quanto ha scritto. Rimanendo d'accordo di incontrarsi quanto prima per chiarirsi di persona.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...