spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al centro della vicenda un tunisino di 25 anni, appena uscito dal carcere. Vive a Tavarnuzze

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Arrestato per stalking poco dopo essere uscito dal carcere dove aveva scontato la sua pena per spaccio di droga: un25enne tunisino, residente a Tavarnuzze, non ha perso davvero tempo.

     

    E appena uscito dal carcere (dove era dal 2011) ha iniziato a perseguitare la sua ex fidanzata: telefonate, appostamenti, ffino al culmine delle minace di morte e all'accoltellamento del nuovo compagno di lei.

     

    Una storia purtroppo comune a tante realtà del nostro Paese, che stavolta si è materializzata nella nostra comunità chiantigiana: i carabinieri hanno arrestato il 25enne per stalking. Dopo, appunto, la denuncia per accoltellamento (il fattto sarebbe avvenuto il 17 luglio) del nuovo compagno della sua ex.

     

    Da mesi il tunisino residente a Tavarnuzze stava perseguitando la sua ex fidanzata: pedinamenti, telefonate, messaggi, richieste di contatti sui social network. Fino alle minacce di morte.

     

    La relazione fra i due era iniziata nel 2009 e finita nel 2011, con l'arresto del tunisino per droga: l'uomo la maltrattava e la sequestrava in casa impedendole di uscire senza il suo permesso.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...