spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tavarnuzze: la Cappella della Vallombrosina presa di mira dai vandali

    L'edificio abbandonato dal 2017 versa in condizioni di degrado, prima vi si celebravano matrimoni e si svolgeva la festa Tavarnuzze al Castello

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Sulla cima di Montebuoni, percorrendo una strada dissestata in mezzo al bosco, si arriva alla cappella della Vallombrosina.

    Qui fino a non molti anni fa erano celebrati anche i matrimoni e questo luogo, dove si dice fosse stato edificato il castello del Buondelmonti, si animava per la festa Tavarnuzze al Castello con la partecipazione di tante persone.

    Poi, come spesso accade, “l’incantesimo” si è rotto. L’Istituto diocesano di sostentamento del clero, per usufruire dell’area, fece una richiesta di un contratto di locazione con un canone di affitto. La Pro Loco di Tavarnuzze, che gestiva l’ambiente e organizzava gli eventi, non riuscì a sostenerlo e così dal 2017 la strada è stata chiusa con un cancello e un cartello che indica il divieto di accesso, proprietà privata.

    Dopo avere visto su un gruppo social “Sei di Tavarnuzze se…” che la Vallombrosina era stata presa di mira dai vandali, siamo andati a vedere cosa era successo.

    Trovando il cancello aperto siamo saliti fino in cima alla cappella costatando che una parte della porta era stata spaccata, così come quella accanto della canonica era stata sfondata. Mentre quella della cappella è stata chiusa alla meglio da una catena, dall’altra è facile entrare  nonostante la catena.

    Pare un vero atto di vandalismo. Qualcuno pensava forse che dentro la chiesa ci sarebbero stati oggetti come candelabri o quadri da rubare? Il dubbio è nato osservando l’interno da una fessura, da dove si vede una scala appoggiata alla parete accanto ad una rappresentazione della Madonna col Bambino su tavola. Si tratterà di una copia di nessun valore e per questo lasciata al suo posto? 

    Non è comunque la prima volta che i vandali si accaniscono sulla struttura con atti di stoltezza e inciviltà, anche nell’aprile 2016 dopo essere entrati furono fatte delle scritte sulle pareti. E’ purtroppo evidente che l’edificio necessita di urgenti interventi di ristrutturazione. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...