spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tpl. Dal 1° luglio la tratta Firenze-Impruneta diventa urbana. Si riduce la tariffa: da 2,60 a 1,50 euro

    Si potrà viaggiare tra tutta l'area urbana fiorentina e l'area di Impruneta, Pozzolatico, Bagnolo Cantagallo, Petigliolo, La Presura, L'Ugolino e San Martino a 1,50 euro (valido 90 minuti)

    IMPRUNETA – Sulla base di un accordo tra Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Autolinee Toscane e i Comuni di Firenze e Impruneta dal 1° luglio taglio del costo del biglietto da Impruneta a tutta l’area urbana di Firenze e viceversa.

    La tratta, fino ad oggi considerata extraurbana, entra nella rete urbana di Firenze e si potrà viaggiare tra tutta l’area urbana fiorentina e l’area di Impruneta, Pozzolatico, Bagnolo Cantagallo, Petigliolo, La Presura, L’Ugolino e San Martino al costo di 1,50 euro (valido 90 minuti) invece dei 2,60 euro del biglietto extraurbano.

    Precedentemente la tariffa applicata era quella extraurbana, definita su base kilometrica. Con la variazione in urbana, di conseguenza, varieranno anche i costi degli abbonamenti: quello mensile passerà da 46,50 a 35,00 euro.

    Questo cambiamento riguarderà la tratta Firenze-Impruneta che viene svolta dalle linee 366A e 366B.

    Inoltre, limitatamente ai collegamenti reciproci tra le località Petigliolo, La Presura, L’Ugolino e San Martino, sarà possibile utilizzare il titolo urbano anche sulla linea 365A.

    Per le altre linee che, pur passando da Impruneta, continueranno a fare servizio extraurbano, la tariffa rimarrà invariata secondo le fasce kilometriche di appartenenza.

    Si tratta di un cambiamento che da molti anni è stato richiesto dal territorio e dagli enti locali e che, grazie alla collaborazione con Autolinee Toscane, si è finalmente concretizzato.

    I biglietti singoli, i carnet e gli abbonamenti (quest’ultimi previa registrazione sul sito at-bus.it) sono acquistabili, con la nuova tariffa, già a partire da oggi.

    I titoli di viaggio sono acquistabili tramite l’applicazione Tabnet, nelle biglietterie ufficiali e nelle rivendite autorizzate. La registrazione, ma anche l’acquisto dell’abbonamento, è possibile farla sul sito https://shop.at-bus.it/.

    Su Tabnet, per comprare il biglietto della tratta Firenze-Impruneta, non si dovrà quindi più selezionare il biglietto “EXTRAURBANO” e poi scegliere la località di partenza e di arrivo, ma selezionare direttamente il biglietto “FIRENZE URBANO”.

    Sul territorio di Impruneta sono presenti anche 11 rivendite autorizzate che, oltre a consentire la vendita di biglietti extraurbani, hanno già a disposizione anche i nuovi titoli cartacei “Urbano Capoluogo Firenze”.

    “Saluto con soddisfazione questa notizia – commenta l’assessore alle infrastrutture e alla mobilità della Regione Toscana Stefano Baccelli – che è frutto certamente di un lavoro di squadra, in cui però spicca la ferma volontà dell’amministrazione comunale di Impruneta di impegnarsi per questo passaggio”.

    “Con questa novità – conclude Baccelli – cresce tutto il servizio regionale di tpl e prima ancora rafforza il sistema di trasporti dell’area fiorentina nell’ottica di una cintura metropolitana sempre più connessa. Sono certo che cittadine e cittadini godranno di sensibili miglioramenti sul fronte della mobilità”.

    “Passiamo finalmente nella fascia urbana come richiesto all’avvio della gara nel 2012 – commenta il Sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei – E’ stato un lavoro certosino svolto negli ultimi mesi, cercando di risolvere diverse problematiche, ma finalmente siamo in dirittura d’arrivo”.

    “Lavoro svolto col gestore – aggiunge – con la Città Metropolitana, la Regione ed il Comune di Firenze. Dall’1 luglio il capoluogo di Impruneta passa al biglietto urbano, dal 1 agosto avremo una rivisitazione totale delle linee ex extraurbane con un discreto miglioramento del servizio. Saremo vigili e pronti a intervenire se qualcosa dovesse essere ancora da migliorare”.

    “Nel primo periodo di rodaggio – conclude – ci aspettiamo la massima collaborazione da parte dei cittadini nel segnalare migliorie da mettere in campo o disservizi. Un impegno anche economico da parte dell’amministrazione comunale non indifferente, ma che porterà Impruneta ad avere un servizio di trasporto pubblico sicuramente migliore”.

    “E’ un cambiamento molto atteso da parte dei cittadini – spiega Francesco Casini, consigliere della Città Metropolitana di Firenze delegato alla Mobilità – Grazie al lavoro del sindaco Calamandrei, dell’amministrazione comunale con la Città Metropolitana e gli altri Enti coinvolti siamo arrivati a definire questi percorso che porterà maggiori vantaggi per la mobilità sul territorio e su tutta la tratta”.

    Per l’assessore al traffico del Comune di Firenze Stefano Giorgetti “si tratta di una modifica al servizio già prevista dalla gara regionale che porta le linee dell’urbano fino all’Impruneta e domani avrà un importante nodo di interscambio con le linee extraurbane in modo da recuperare chilometri e migliorare il servizio. Rientra tra le variazioni che comportano anche la prossima attivazione dei nodi di interscambio di piazzale Montelungo, piazza Vittorio Veneto e viale Guidoni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...