spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fa effetto vederlo emergere qui dove si estraeva la pietra serena dei Medici

    Bisogna dire che fa un certo effetto vedere (come documenta la foto) l'avvio dei lavori per l'installazione dell'enorme tralicco di terna nel Parco delle Cave, a Tavarnuzze. Qui, in questa cava di pietra serena che anche i Medici hanno utilizato a lungo, sta emergendo un pilone di ferro alto decine e decine di metri.

     

    Del resto, dopo una battaglia durata anni, nei giorni scorsi l'amministrazione comunale imprunetina aveva diffuso una nota molto esplicita: "Dopo che la proprietà del Parco ha deciso di non rinunciare al contenzioso legale per ottenere l’indennità di occupazione – avevano fatto sapere dal Comune – non era dunque più possibile procedere nei tempi che erano stati previsti dalla convenzione stessa allo spostamento del pilone".

     

    Da qui la decisione: "Per non perdere le risorse di circa  500mila euro messe a disposizione da parte di Terna per questo spostamento (ricordiamo che la cifra che Terna ha concesso all’interno della convenzione per gli interventi complessivi è di 1 milione e 150mila euro), l’amministrazione comunale e la società hanno quindi dovuto rivedere l’accordo sottoscritto".

     

    Spostando quei soldi dal pilone a lavori nelle scuole imprunetine (e si sa quanto bisogno ce ne sia). Intanto però vedere l'avvio dei lavori di costruzione di quel traliccio nel contesto del Parco delle Cave… non lascia certo indifferenti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...