spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre bus vandalizzati a Impruneta: denuncia (e condanna) di Autolinee Toscane e Comune

    Sindaco Lazzerini e assessore Marchetti: "Collaboriamo pienamente con le autorità competenti per individuare e perseguire i responsabili di tali reati"

    IMPRUNETA – Autolinee Toscane sporgerà formale denuncia, presso i carabinieri. per danneggiamenti dopo aver trovato tre mezzi vandalizzati nel fine settimana.

    “I mezzi – spiega il gestore del servizio di trasporto pubblico locale – erano in sosta notturna in piazza Attilio Bandinelli, a Impruneta. Lunedì mattina, il conducente intento a partire per svolgere il servizio di trasporto pubblico locale, ha notato su un bus il tentativo di forzatura alla porta”.

    “Mentre a un secondo bus – prosegue AT – parcheggiato al fianco, è stato trovato con il vetro posteriore rotto e l’estintore del mezzo scaricato all’esterno. In un terzo bus sono stati gettati sporcizia, rifiuti e altra sporcizia all’interno del veicolo”.

    Questo ha reso inutilizzabile i bus, e non ha consentito di poterli utilizzare per il servizio previsto.

    “Seppur in difficoltà e con mezzi inservibili – prosegue la nota di AT – siamo comunque riusciti a garantire le corse con un bus di riserva. I bus sono poi stati portati all’officina-carrozzeria per essere sistemati”.

    “Serviranno circa quattro giorni di lavori – si fa sapere – per renderli di nuovo utilizzabili. Infatti, oltre a provocare un danno economico diretto all’azienda, questi gesti producono un danno indiretto anche al servizio di trasporto pubblico perché riducono la disponibilità dei mezzi a servizio dei cittadini”.

    “Altro episodio simile era accaduto nel fine settimana precedente – viene aggiunto – quando durante la notte ignori avevano provocato dei danni al cruscotto e sporcato tutto il mezzo con fango e rifiuti”.

    Autolinee Toscane, “sconcertata da tali gesti di inciviltà”, ha informato il Comune di Impruneta dell’accaduto “e anche del rischio di potenziali problemi sul servizio, legati all’indisponibilità dei bus”.

    Ed auspica, “anche grazie ad eventuali telecamere nella zona, di ricostruire la dinamica e consentire di identificare gli autori del gesto, richiamandoli così alle loro responsabilità civile e penale, e anche al risarcimento dei danni diretti e indiretti ad un servizio pubblico essenziale”.

    L’amministrazione comunale ed Autolinee Toscane sono già attive e stanno collaborando per studiare alcune soluzioni possibili, sia in termini di sicurezza che di servizio, anche con eventuali convenzioni ed accordi, che portino, tra le altre cose, la definizione di un’area delimitata, con videosorveglianza sempre attiva, dove far sostare i bus.

    “Come amministrazione comunale – affermano il sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini, e l’assessora ai trasporti Irene Marchetti – esprimiamo una ferma condanna per gli atti gravi che si verificano nel nostro territorio comunale. Abbiamo già avviato azioni concrete per potenziare il sistema di videosorveglianza, estendendolo anche alle zone periferiche al centro storico”.

    “Il nostro obiettivo – annunciano – è collaborare pienamente con le autorità competenti per individuare e perseguire i responsabili di tali reati”.

    “Nei prossimi giorni – concludono – con l’obiettivo comune di istituire parcheggi codificati e ben definiti per gli autobus, firmeremo un accordo con Autolinee Toscane, anche grazie alla solida collaborazione avviata durante le recenti modifiche alla viabilità nel centro storico”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...