spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre uomini sulla… Graziella, dall’Adriatico al Tirreno: c’è anche un imprunetino

    Gianni Pantiferi, con Simone Neri e Giovanni Donati: sono partiti ieri da Cervia. Dopo 303 km con soste solo fisiologiche, arriveranno a Marina di Bibbona

    IMPRUNETA – Stamani alle 8 erano arrivati a Marradi, e si stavano riposando sulle panchine del paese.

    “Tre uomini in Graziella”, la vecchia bicicletta che chi è nato fra gli anni Settanta e Ottanta ha amato profondamente, dal Mar Adriatico al Mar Tirreno.

    Fra loro l’imprunetino Gianni Pantiferi. Insieme a lui il signese Simone Neri e Giovanni Donati di Peccioli.

    Tre amici per un’impresa lunga 303 km. Da Cervia, dove sono partiti della tarda serata di ieri, venerdì 29 luglio, a Marina di Bibbona.

    Dove arriveranno… quando arriveranno. Dopo una traversata da mare a mare, con soste fisiologiche quando ne sentiranno il bisogno.

    Prevedevano, alla partenza, di concludere in circa 30 ore.

    Stamani erano già arrivati a Marradi, dove verso le 8 si sono riposati sulle panchine del paese.  Lungo un percorso che prevede oltre 2,2 km di ascese.

    Due di loro ne avevano già compiuta una di impresa, qualche anno fa. Andando, sempre in Graziella, da Impruneta a Marina di Bibbona.

    “Io e Simone – ci dice prima della partenza l’imprunetino Gianni Pantiferi – da 10 anni, per andare in ferie, ci inventiamo inventano un’avventura sempre diversa. Da tre anni si è aggiunto Giovanni, contagiato… dalla follia”.

    E allora in sella ragazzi! C’è ancora strada davanti a voi, prima di arrivare alla meritata meta.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...