spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una targa dell’Auser per “Generazioni capovolte”: un progetto che verrà proposto di nuovo nella scuola

    Per formare "nonni tecnologici", grazie agli insegnamenti di giovani ragazzi e ragazze della "Primo Levi", appositamente formati dai professori

    IMPRUNETA – Nella mattina di ieri, giovedì 13 ottobre, l’associazione Auser di Impruneta ha donato all’Istituto “Primo Levi”, nelle mani del dirigente scolastico Marco Poli, una targa in cotto a testimonianza del Progetto “Generazioni Capovolte”.

    Portato a termine lo scorso anno scolastico in sinergia tra l’assessorato all’istruzione e biblioteca del Comune, nella persona dell’assessore Sabrina Merenda, il corpo docente e l’Auser stessa.

    Il progetto si era chiuso a giungo con la consegna dei diplomi in biblioteca del corso, organizzato con l’obiettivo di supportare gli anziani imprunetini nell’accesso ai servizi online e nell’uso delle nuove tecnologie informatiche.

    Grazie agli insegnamenti di giovani ragazzi e ragazze della “Primo Levi”, appositamente formati dai professori per passare le loro competenze alle generazioni precedenti, un gruppo di soci dell’Auser hanno seguito un percorso di formazione, avvicinamento e uso delle nuove tecnologie. Il progetto verrà riproposto anche per questo nuovo anno scolastico grazie al lavoro di squadra delle parti coinvolte.

    “Abbiamo ringraziato insieme al nostro dirigente Marco Poli – dice l’assessore Merenda – l’Auser di Impruneta, per questo bel dono, che simboleggia la riuscita di un progetto veramente importante, capace di ribaltare il concetto di tutor”.

    “Qui – prosegue – sono i nostri ragazzi delle medie ad aver formato nel campo dell’informatica, il nostro patrimonio tangibile dell’umanità, rappresentato dai nostri nonni. Tutto questo è possibile grazie ai loro professori e ringrazio nello specifico Paola Papini, Raffaella Ranieri e tutto il corpo docenti”.

    “Credo fermamente – dice ancora – nella complicità, intesa come forza di competenze e anche di confronto fra le nuove generazioni. Stiamo lavorando tutti insieme per riproporre il progetto questo anno scolastico. Saranno date tutte le informazioni al momento specifico”.

    “Ringrazio il dirigente – sono ancora parole dell’assessore Merenda – per la cura con cui ha accolto anche questa preziosa sinergia e i nonni del nostro territorio per aver accettato una opportunità e una sfida reciproca”.

    “Tengo a sottolineare – conclude – che quando abbiamo deciso l’anno scorso di creare questa rete, eravamo in piena pandemia ma non ci siamo mai fermati per sperare che il sogno si avverasse. Quando a marzo ci siamo riusciti è stata la prova di come l’audacia e il lavoro di squadra premiano in risultati tutta la comunità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua