spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Atto vandalico nel “salotto buono” di Firenze: a rimetterci due vasi dell’azienda imprunetina

    IMPRUNETA – L'assessore all'ambiente del Comune di Firenze, Caterina Biti, lo ha semplicemente definito… un atto di inciviltà.

     

    Ma quelle due splendide fioriere in cotto distrutte nella notte dai vandali in via Tornabuoni, il "salotto buono" di Firenze, hanno provocato dispiacere anche all'Impruneta.

     

    E, in particolare, alla Fornace Mital di Angiolo Mariani e dei suoi figli, che quelle vase (oltre venti, vedi foto sopra) le avevano fornite al Comune di Firenze. Una "vetrina" davvero importante: sia per la singola azienda protagonista, sia per tutto il settore del cotto imprunetino.

     

    "Il disegno dei vasi e del decoro – ci aveva spiegato ai tempi dell'installazione Franco Mariani – è stato relizzato dall'architetto dello staff della Direzione Ambiente del Comune di Firenze, diretto dal dottor Pietro Rubellini".

     

    Un lavoro destinato a far promozione, oltre che alla grande qualità dei prodotti Mital, a tutto il settore del cotto imprunetino.

     

    "Purtroppo – dice Luigi Mariani, un altro dei figli di Angiolo – nell'installazione complessiva rimarrà un "buco". Le fioriere sono completamente distrutte e sarà difficile che vengano rimpiazzate. Dispiace davvero tanto anche a noi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...