spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vendita di Villa Larderel a Pozzolatico: il 4 marzo il termine per la presentazione delle offerte

    Dal giorno successivo, sarà possibile monitorare gli aggiornamenti sulla data dell’asta direttamente online

    POZZOLATICO (IMPRUNETA) – Villa Larderel, il complesso nobiliareex sede del “Don Gnocchi”, a Pozzolatico, sarà prossimamente oggetto di liquidazione attraverso la piattaforma Quimmo, e il termine per presentare le offerte è stato fissato per il 4 marzo.

    “Circondato da oltre 7 ettari di parco – spiegano da Quimmo, società per l’intermediazione digitale immobiliare che si occupa della vendita – il complesso di Villa Larderel è posizionato in un contesto paesaggistico straordinario e vanta una storia secolare. Tra le possibili destinazioni d’uso c’è anche la potenziale conversione in struttura ricettiva di lusso”.

    “La costruzione risale alla seconda metà del quattordicesimo secolo – ricordano – su commissione della famiglia Ricci appartenente alla fazione dei Guelfi. Nel 1837 la proprietà del complesso passa ai Conti De’ Larderel, nobili di origine francese, e nel 1869 l’edificio diventa la dimora di Rosa Vercellana, Contessa di Mirafiori e di Fontanafredda, che sposa in un matrimonio morganatico il re d’Italia Vittorio Emanuele II di Savoia proprio nella cappella della Villa”.

    “Nel corso del primo ‘900 – proseguono – la dimora ha ospitato Francesca Bertini, diva italiana del cinema muto, e nel secondo dopoguerra è stata la sede della Fondazione Don Carlo Gnocchi. Il complesso è stato successivamente ampliato con la costruzione di un edificio moderno e ha ospitato la Scuola Walford di Firenze”.

    “La superficie complessiva di Villa Larderel è di 81.800 metri quadrati – ricordanno – di cui 11.800 metri quadrati di interni e un imponente parco secolare di 7 ettari, all’interno del quale sono presenti una piscina interrata da 25 metri, un laghetto artificiale e, poco distante da quest’ultimo, uno chalet caratterizzato dall’aspetto architettonico delle tipiche abitazioni di montagna”.

    “La facciata – sottolineano – è neoclassica, con torre centrale che ne costituisce l’asse, la quale incornicia un grande orologio, uno stemma a rilievo e un busto in nicchia con lapide commemorativa”.

    “Villa Larderel – puntualizzano – è considerata una delle testimonianze più affascinanti della Toscana Rinascimentale, oltre che una dimora d’autore unica dal punto di vista del valore architettonico e sociale. Nonostante l’immobile sia immerso in un contesto di estrema tranquillità, la Villa dista soltanto 10 km dalla vicina Firenze, 6,2 km dall’aeroporto Amerigo Vespucci e appena 2,2 km dall’uscita dell’autostrada A1”.

    Ricordano che “il complesso, attualmente libero, è sottoposto a vincolo da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e le destinazioni d’uso ammesse sono quelle residenziale, direzionale, turistico-ricettivo, produttivo legato al cotto e sportivo”.

    La vendita avverrà tramite asta telematica su Quimmo, portale online della immotech per l’intermediazione digitale immobiliare del gruppo Illimity.

    Il termine per la presentazione delle offerte, in via telematica è, come detto, il 4 marzo e, dal giorno successivo, sarà possibile monitorare gli aggiornamenti sulla data dell’asta sul sito di Quimmo (qui).

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...