spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La svolta: Villa Larderel venduta a un Fondo statale con il Ministero delle Finanze

    In "cambio" alla Regione Toscana 2,7 milioni "cash" e 6,3 milioni come azioni del Fondo di investimento

    POZZOLATICO (IMPRUNETA) – La notizia l'ha data nel pomeriggio di oggi, martedì 6 giugno, Toscana24-Il Sole 24 Ore: la Regione Toscana vende Villa Larderel, a Pozzalatico, al fondo i3-Università, gestito da Invimit, società del ministero dell'Economia e finanze.

     

    "La delibera di vendita – si legge – approvata dalla giunta il 29 maggio scorso, spiega che il valore dell'immobile ritenuto congruo dall'Agenzia delle entrate, pari a 9,13 milioni, sarà versato da Invimit per il 70% (6,3 milioni) tramite il conferimento di oltre 13mila quote del Fondo stesso, e solo per il 30% cash".

     

    Nelle casse della Regione Toscana finiranno dunque solo 2,7 milioni di euro. La giunta guidata dal presidente Enrico Rossi ha previsto che il gettito che verrà introitato dalla vendita sia destinato alla riduzione del debito regionale.

     

    La villa trecentesca, ex centro di riabilitazione Don Gnocchi dove sono passati migliaia e migliaia di chiantigiani (e non solo), è l'unica, tra i 34 immobili messi in vendita dalla Regione nel 2016, ad avere trovato un acquirente.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...