spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via di Colleramole riaperta al traffico veicolare a Bottai

    Sono terminati i lavori di ripristino dl muro di contenimento crollato il 10 marzo scorso. Investimento complessivo di circa 130mila euro

    IMPRUNETA – È stata riaperta al traffico veicolare via di Colleramole, a Bottai: sono infatti terminati i lavori di ripristino del muro di contenimento danneggiato dalla frana del 10 marzo scorso.

    L’importo complessivo dei lavori interamente sostenuto dall’amministrazione comunale imprunetina è di 130mila euro, di cui 117mila riguardano gli interventi strutturali e 13mila di costi progettazione, direzione lavori, analisi e successiva certificazione.

    L’intervento, ultimato in questi giorni, ha compreso la demolizione completa del vecchio muro in pietra e la realizzazione di un nuovo in cemento armato lungo cinquanta metri ed alto tre.

    I lavori di asfaltatura del manto stradale in via Colleramole, saranno effettuati al termine di un periodo di assestamento degli interventi fatti.

    Con l’arrivo dell’autunno nel terreno a valle della strada, saranno messi a dimora nuovi alberi e ripristinata la recinzione in metallo.

    “Esprimiamo grande soddisfazione per la gestione complessiva dell’intervento, facciamo un plauso ad i responsabili degli uffici tecnici per la celerità e precisione con la quale sono state affrontate queste opere” – dichiarano l’assessore Marco Canuti e il sindaco Riccardo Lazzerini.

    “Dal nostro insediamento – concludono -siamo impegnati quotidianamente nell’affrontare tutti quei problemi legati a opere strutturali e di riqualificazione del nostro comune, che proseguiranno con opere significative già nei prossimi mesi”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...