spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vibrazioni case Tavarnuzze vicine ad Autopalio: stamani il sopralluogo dell’Anas. Le parole del sindaco

    "Asfaltatura entro due-tre settimane per limitare l'effetto dei nuovi giunti; fra settembre ed ottobre nuovi pannelli fono assorbenti"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Dopo le proteste dei giorni scorsi, raccontate anche sul Gazzettino del Chianti, nella mattinata di oggi, martedì 28 maggio, si è svolto il sopralluogo di Anas nella zona di Tavarnuzze nella quale i cittadini lamentano vibrazioni nelle case dovute ai nuovi giunti installati prima della galleria Vallombrosina.

    Vibrazioni Autopalio a Tavarnuzze, residenti sul piede di guerra: siamo andati sul posto

    Presente anche il sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini (che era già stato sul posto con l’assessore Marco Canuti), che ci racconta l’esito dell’incontro.

    “Il sopralluogo è avvenuto alla presenza di un gruppo di residenti – spiega Lazzerini – e del responsabile Anas. I cittadini hanno giustamente sollevato la questione e Anas si è presa stamani alcuni impegni”.

    “Ovvero – prosegue – due-tre settimane per rifare l’asfalto, portandolo al livello dei giunti, previsti dalla normativa è bene dirlo. Rappresentano un elemento migliorativo per la sicurezza che, purtroppo, ha generato questo rumore, in particolar modo in occasione del passaggio dei mezzi pesanti”.

    “Fra settembre e ottobre – conclude Lazzerini – Anas ha promesso l’installazione di nuove paratie fonoassorbenti. Per cui si pensa che queste operazioni possano portare ad una attenuazione del rumore, non all’eliminazione totale, è stato detto con grande onestà”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...