domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    VIDEO / Calamandrei alla De Luca: bacchetta i cittadini con una diretta su Facebook di fuoco

    Il sindaco di Impruneta, furibondo, richiama i cittadini al rispetto delle regole: "Dovete stare a casa!". E poi mercati, spazzamento strade, divieti di sosta: "Rispettate le regole o partiamo con le multe"

    IMPRUNETA – Un Alessio Calamandrei… alla Vincenzo De Luca. Con una diretta Facebook, andata in scena sui suoi canali social per venti minuti (la vedete in coda all’articolo), letteralmente debordante.

    Una giornata in cui sui social lo stesso sindaco aveva bacchettato i cittadini, fotografandoli dalla finestra dell’ufficio comunale e richiamando al rispetto delle regole.

    Troppa gente a giro: “Abbiamo 250 casi Covid positivi a Impruneta, 5 persone in ospedale, 2 non stanno bene. Dovete stare a casa! E’ chiaro il concetto?”.

    Un fiume in piena Calamandrei. Che promette multe e tolleranza zero: “Il buonsenso? Ormai non so più come dirlo”.

    Troppa gente in giro. Troppa gente che, pur essendo negativa, non scende a spostare l’auto per lo spazzamento strade.

    Troppe polemiche per i mercati settimanali e per le mancanze di banchi in piazza.

    E poi sulla distribuzione di mascherine: “Avevamo pensato di distribuirle con la scuola, ma il Dpcm che ha lasciato a casa seconde e terze medie ci costringe e ripensare. State tranquilli che le portiamo, anche se non mi sembra tutta quell’urgenza”.

    Poi rivolto a chi rispetta le regole: “Se vedete chi non le rispetta e c’è da fare qualche partaccia fatela! Io l’ho fatta anche oggi dalla terrazza”.

    “Per favore – conclude – mantenete un comportamento corretto. Fate quello che potete fare ma poi si rientra a casa!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...