spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cara Marina, in una politica fatta di urla ed eccessi sei stata sempre una ventata di gentilezza e competenza

    Una donna dal cuore grande, di cultura e di passioni, con un grandissimo legame con il mondo della scuola, delle associazioni. Donna di pace e per la pace

    Ho conosciuto Marina Baretta, assessora del Comune di Barberino Tavarnelle che ci ha lasciati ieri, dopo una malattia che ha guardato negli occhi lottando e mantenendo fede al suo ruolo per la comunità, tanti anni fa.

    Mi ha legato a lei una simpatia istantanea (spero reciproca, così mi è sempre parso almeno). Un rapporto diretto e senza scorciatoie.

    Una simpatia che, pur nel rispetto assoluto dei ruoli, fatti talvolta anche di scontri, di qualche telefonata “tosta”, o di faccia a faccia duri e sinceri, ha sempre fatto da sottofondo.

    Barberino Tavarnelle, muore l’assessora Marina Baretta: un’intera comunità la piange

    Ricordo ancora quella volta quando, in vacanza nella “sua” Venezia, mentre ero a prendere un cicchetto in Cannaregio, me la vidi venire incontro tutta sorridente.

    Lei, chiantigiana “adottata”, finalmente faceva da… padrona di casa. Mi spiegava cosa fare, dove andare per vivermi una Venezia meno turistica.

    Oppure quando ci si incrociava alla Festa de l’Unità di San Casciano, in estate, dove spesso accompagnava il marito nel suo stand-libreria. 

    Innumerevoli le volte che ci siamo visti sul territorio: fra momenti istituzionali, altri più ludici, Marina ha sempre rappresentato il volto pulito, sincero, competente, educato, delle istituzioni. E della politica.

    Una donna dal cuore grande, di cultura e di passioni, con un grandissimo legame con il mondo della scuola, delle associazioni. Donna di pace e per la pace.

    Se ne va un personaggio fondamentale della scena politica del Chianti. Perdiamo un tassello unico e insostituibile, di grande competenza e umanità.

    Gentile, minuta, una sorta di “fata” per certi versi. Con quella voce delicata e i modi sempre educati.

    Ma anche decisa quando c’era da esserlo. Nel rispetto degli altri e del ruolo che rivestiva. Con senso di appartenenza e responsabilità. Non si è tirata mai indietro di fronte alle incombenze amministrative e politiche. Mai.

    Ai suoi familiari facciamo le più profonde condoglianze.

    Mancherà tantissimo alla comunità di Barberino Tavarnelle, alle persone che hanno avuto la fortuna di conoscerla. Mancherà a tutti noi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua