spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Al Desco si saranno anche dimenticati i parcheggi ma di inciviltà ce n’è in abbondanza!”

    Lettera da Impruneta: "Perché sempre le stesse macchine devono continuare a parcheggiare ogni sera sul marciapiede?"

    In “aggiunta” ad una lettera firmata apparsa sul vostro Gazzettino in data 26 ottobre sull’assenza di parcheggi in zona nuova circonvallazione al Desco, mi sento di raccontare l’altra versione della situazione.

    # Impruneta: “Al Desco hanno fatto la strada nuova ma si sono dimenticati… i parcheggi”

    La circonvallazione permette una lunga striscia sul bordo della vallata dove resta molto facile sia trovare un posto vuoto a tutte le ore del giorno e della sera che fare manovra, oltre alla presenza di un parcheggio sotto Villa Carrega in Via Roma (2 minuti a piedi dalla zona Desco) quasi sempre vuoto.

    Perché sempre le stesse macchine devono continuare a parcheggiare ogni sera sul marciapiede?

    Perché al buio (visto che i lampioni non funzionano tutti in modo regolare) le persone che si trovano a camminare sul marciapiede, a volte con carrozzine e passeggini, devono scendere sulla carreggiata (con il rischio di essere travolti dalle macchine che arrivano dall’Imprunetana) perché ci sono sempre e soltanto le stesse macchine parcheggiate ogni giorno nei soliti posti sul marciapiede?

    Cosa non è chiaro nella differenza che intercorre tra quello che sia chiama “marciapiede” e quello che può essere utilizzato come “parcheggio”?

    C’è una strada, via del Desco, che per chi scende da via del Limbo deve essere percorsa in una sola direzione, verso Via Roma, che viene quotidianamente percorsa contromano… dalle solite tre auto.

    C’è una circonvallazione che dal Desco porta a Fabbiolle dove tutto manca fuor ché il posto, senza limiti per i non residenti, senza dover spostare alcun mezzo per la pulizia della strada … no molto meglio il marciapiede!

    Non credo manchino i parcheggi ma il rispetto, la civiltà e l’educazione.

    A nulla sono valse alcune azioni di volantinaggio fatte da qualche anima “ingenua”, ancora a meno le svariate segnalazioni alla polizia municipale e all’URP, nonché alcune denunce sul rischio accorso di essere investiti fatte ai carabinieri… e tutto per permettere a 4 selvaggi di parcheggiare la propria auto sotto casa.

    Lettera Firmata da chi crede ancora nel rispetto delle regole

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...