spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Castelnuovo Berardenga, ecco il degrado del cimitero di Guistrigona”

    "Uno strazio, con il cancello lasciato aperto, la cappella con la lettiga in disfacimento, sporcizia, pezzi di tetto caduti sul pavimento..."

    Visto dall’esterno, il cimitero di Guistrigona, ha l’aspetto di un grazioso e sereno luogo di riposo.

    Con cipressi d’ordinanza all’ingresso, il bel cancello in ferro battuto, la recinzione di muri a pietra.

    Visto da dentro, uno strazio, con il cancello lasciato aperto, la cappella con la lettiga in disfacimento, sporcizia, pezzi di tetto caduti sul pavimento.

    Il muro esterno destro franato da anni – quasi nella sua interezza – con il bosco che sta entrando dentro e una tomba che per dilavamento si è inclinata e fra qualche temporale rischia di scivolare e aprirsi sempre verso il bosco.

    E il problema “Ailanto” una terribile pianta infestante di origine asiatica che se tagliata, risponde dal sottosuolo riproducendosi all’infinito, che rappresenta un grave pericolo per le altre piante nostrali.

    Sulle tombe ci sono alcune foto sbiadite e irriconoscibili, altre ricambiate di fresco.

    Vi è una signora con un fazzoletto in testa e lo sguardo scavato dal sole come l’argilla delle Crete.

    Un’altra signora con lo sguardo di chi è stata mamma tante volte, sopraffatta dalla stanchezza, un signore con la divisa della Prima Guerra Mondiale.

    Piccole storie di grande dignità di vita riempita di lavoro che meriterebbero un profondo rispetto a partire da una cura più appropriata del loro luogo di riposo.

    Andrea Pagliantini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...