spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: “La nuova “fabbrica delle preghiere” di San Piero in Barca”

    "La Diocesi di Arezzo ha messo sul piatto ben tre milioni di euro per un'opera faraonica. Qui dove basterebbe un casotto Anas per contenere i fedeli..."

    Per contenere i fedeli della frazione di San Piero in Barca e zone limitrofe (nel comune di Castelnuovo Berardenga, diocesi di Arezzo) sarebbe sufficiente dotare la casa cantoniera all’ingresso del paese di altare e di fonte battesimale, aprendo un occhio sul davanti e una monofora sui lati.

    Oppure restaurare l’omonima chiesa di San Piero, in località Barca, che da anni non è altro che un ammasso di ruderi e macerie.

    Ma la Diocesi fa sul serio: a sentire il Corriere di Arezzo (in un articolo di Luca Serafini del 27 agosto scorso) con il contributo della CEI, ha messo sul piatto ben tre milioni di euro.

    Per mettere in piedi un’opera faraonica, in un momento in cui la crisi delle vocazioni rende rari i sacerdoti e la manutenzione degli edifici religiosi (spesso di valore storico – artistico immensi) lascia parecchio a desiderare.

    Andrea Pagliantini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...