spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “FI-SI: i nuovi giunti all’altezza della galleria di Montebuoni troppo rumorosi: costretti a tenere le finestre chiuse”

    Ci scrive un residente: "Nelle case sono state fatte delle prove con bicchieri pieni di acqua. Al passaggio di mezzi pesanti (camion e altro) il contenuto trema..."

    Sono un cittadino di Tavarnuzze e vorrei portare a conoscenza di un grosso problema che sta accadendo ai lavori effettuati da Anas sulla superstrada FI-SI all’altezza della galleria Montebuoni, dove ci sono state anche deviazioni del traffico per il cantiere.

    I giunti nuovi che sono stati fatti di collegamento fra i vari piloni, sono di una rumorosità incredibile, tanto che i condomini che si affacciano sulla superstrada sono costretti a tenere le finestre chiuse per evitare questo fastidio, che prima dei lavori non sussisteva. 

    E’ stata fatta una petizione dalle famiglie interessate al problema.

    Nella stessa si evidenzia anche la pericolosità di queste continue vibrazioni, tanto che nelle case suddette sono state fatte delle prove con bicchieri pieni di acqua, in cui si vede chiaramente che al passaggio di mezzi pesanti (camion e altro) il contenuto trema.

    Parlando con alcuni operai presenti in cantiere, hanno evidenziato che i loro superiori hanno già capito il grosso problema e dovrebbe essere in movimento la risoluzione dello stesso.

    Nel documento in risposta alla petizione, ANAS ha risposto che la richiesta è in lavorazione, vedremo come si muoveranno.

    Nel frattempo vorremmo far conoscere il problema alla popolazione.

    Premetto che anche il sindaco di Impruneta  è a conoscenza del problema, è stata consegnata la petizione anche a lui.

    Alessandro Della Lastra

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...