spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve: “A fine mese il dottor Mazzotta andrà in pensione. Il mio grazie e quello della mia famiglia”

    "Io non so valutare le capacità tecniche che rendono un medico più o meno bravo o competente, ma so valutare la qualità umana che pertiene, e ne è fondamento..."

    Quando finirà questo mese, quando anche questo nuovo, vecchio anno sarà concluso, io e tantissime altre persone che abitano a Greve in Chianti ci troveremo a chiudere un capitolo della nostra vita, per alcuni di molte pagine, per altri di poche; il dottor Claudio Mazzotta va in pensione. 

    Lo incontrai la prima volta nel 1988, facevo la terza elementare e la mamma mi accompagnò a conoscere il nostro nuovo medico, giovane e con il computer e di lì a poco anche col telefono cellulare, una modernità inattesa e per molti addirittura sospetta. 

    Sono passati davvero tanti anni e la confidenza del tempo che scorre, lo ha reso  un riferimento a cui guardare, discreto eppure sempre presente.

    E’ praticamente sempre stato il mio medico, esclusa una breve parentesi in cui mi ero trasferita.

    Le esperienze accumulate in trentacinque anni sono tante e non sono mancati i momenti difficili e come accade a tutti, quando è la salute a mancare, tua o dei tuoi cari, quando la tristezza o la disperazione sono i sentimenti che occupano lo spazio dei giorni, la cura del medico entra a far parte di questo tempo e la sua presenza assume un rilievo davvero grande.

    Io non so valutare le capacità tecniche che rendono un medico più o meno bravo o competente, ma so valutare la qualità umana che pertiene, e ne è fondamento, alla cura e so che esserci nel dolore è un compito che il dottor Mazzotta ha sempre saputo assolvere al meglio.

    Vorrei fare un lungo elenco delle cose per cui merita i miei ringraziamenti, ma siccome so che a questi pensieri si uniranno tanti altri, sarebbe egoistico e restrittivo pensare solo alle cose fatte per me.

    Lo saluto e lo ringrazio a nome mio e dei miei familiari ed anche a nome della mia nonna Tosca, che non c’è più, ma che se tra noi è rimasta così a lungo, lo deve  sicuramente anche al dottor Mazzotta. 

    Sentiremo grande la mancanza.

    Spero di aver fatto una cosa gradita, come nel mio intento.

    Si diverta nel tempo libero che si è guadagnato!

    Corinna Verniani

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...