venerdì 25 Settembre 2020
Altre aree

    “Il martello di Fabio Zacchei per la traduzione in ferro di Luciano Berruti”

    Essenziale, come la traduzione in ferro dell’immaginazione e dell’ispirazione del fabbro in rime di ventricoli, Fabio Zacchei.

     

    Poco distante dal suo famoso gallo che accoglie chi arriva, a due chilometri dalla rondine piccina di Vertine, una bicicletta molto particolare, con una giberna davanti, il manubrio di legno, le ruote piene stavolta non di gomma, ma di ferro, è appoggiata a una colonna, come a dire: “Arrivo subito, mi riposo un pochino, una pisciatina e riparto”.

     

    E’ questo il tributo dell’Eroica alla memoria di Luciano Berruti, il ciclista baffone attaccato sui pedali, il cui ricordo è stato cadenzato nella commozione di Giancarlo Brocci, del sindaco Michele Pescini, del martello e parole di Fabio Zacchei, delle carezze amorevoli della moglie a quei baffoni metallici.

     

    (Nella foto in alto, la moglie di Luciano Berruti accarezza teneramente il volto scolpito nel metallo)

     

    Andrea Pagliantini

    di Andrea Pagliantini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: [email protected]

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino