mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    Infiltrazioni d’acqua nella chiesa di Santa Maria alla Villa a Sesta

    Secondo il professor Mario Ascheri, la Madonna di Jacopo della Quercia, contenuta nella chiesa di Santa Maria alla Villa a Sesta, è uno dei più importanti oggetti d’arte che ci siano nella zona.

     

    Racchiusa in una nicchia, nel lato sinistro, dalla stessa parte in cui nella volta poco prima dell’altare, si notano due evidenti chiazze d’umido che decompongono l’intonaco.

     

    Per il momento, la Madonna non ha necessità di reggere il bambino con una mano e con l’altra tenere un ombrello, ma a sentire chi se ne intende, questa umidità è dovuta alla non pulizia delle grondaie, piene di foglie e di immancabile guano, con la pioggia che non si incanale come deve, ma ristagna sul tetto.

     

    Territorio senese, ma diocesi di Arezzo, per via delle cazzottate fra vescovi per accrescere il proprio territorio negli anni intorno al mille, umile lavoro di manutenzione che può essere svolta da un qualsiasi muratore con qualche metro di ponteggio.

     

    Andrea Pagliantini

    di Andrea Pagliantini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: [email protected]

    Leggi anche...