spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Le poche pietre miliari a bordo delle nostre strade andrebbero protette e tutelate”

    "Sostituite dalla cartellonistica moderna, quelle – poche – pietre ancora ai bordi delle strade, andrebbero pulite, conservate, censite come patrimonio pubblico della memoria"

    Belle sode, infisse nel terreno, bianche immacolate e con il numero inciso pitturato di nero.

    I più grandi senz’altro ricordano che una volta le strade erano corredate da una pietra grande ogni chilometro e nove cippi più piccoli che indicavano i sottomultipli (cento metri) scritti con i numeri romani.

    Erano anche un comodo esercizio pratico e di studio sulla suddivisione del chilometro alle scuole elementari.

    Pura poesia, ma anche storia, dato che questo modo per scandire le distanze era in uso anche in epoca romana: pietra miliare da miglio, mille passi, 1480 metri circa.

    Sostituite dalla cartellonistica moderna, queste – poche – pietre ancora ai bordi delle strade, andrebbero pulite, conservate, censite come patrimonio pubblico della memoria.

    Andrea Pagliantini

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...