spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Autopalio. Per i volumi di traffico e i lavori vanno rispettati i limiti. E telefonino disattivato!”

    Quando era in costruzione l’Autopalio ero in servizio militare, anni '63/'64, e di automobili ce n’erano poche e di piccola cilindrata.

     

    La massima cilindrata che un operaio poteva permettersi era sui 1000 CC. La Simca 1000; poi si andava ascendere fino alla mitica 500 vera.

     

    Sono trascorsi quasi 60 anni e come si vede il traffico è aumentato in modo esagerato, e così la potenza dei mezzi di trasporto; in potenza e in volume, specie i grossi TIR, che rendono le strade costruite con le tecniche allora in uso  e col traffico dei mezzi attuali fragili e bisognose di costanti cure.

     

    Quando ciò si rende necessario le alternative sono due: chiudere la strada ( e questo si vide fare a inizio settembre all’inizio della Certosa col caos che crearono) oppure adottare il doppio senso di marcia su unica carreggiata.

     

    Adottando questo sistema di ripiego si rende necessario che tutti rispettino il limite di velocità e che mettano tutta l’attenzione sulla guida, e  il telefonino in silenzio.

     

    Purtroppo questo strumento, assai utile, è responsabile di molte distrazioni alla guida e causa di molteplici incidenti.

     

    Roberto Borghi

    di Roberto Borghi

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...