spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Come è cambiato il mondo. I nubifragi e la non manutenzione dei fossetti”

    Sono ormai annoverato fra gli “anziani”, i vecchi sono oltre gli ottanta… .

     

    In questo periodo abbiamo avuto modo di vedere l’evolversi della situazione meteorologica e del lassismo nel non curare la piccola idrografia del territorio.

     

    Gli acquazzoni estivi a mia memoria ci sono sempre stati e i contadini erano ben contenti perché erano forieri di rinascita dell’erba medica e dei foraggi seminati dopo la mietitura, esempio saggina e granturco che davano ottimo foraggio anche da “insilare” per la stagione invernale.

     

    Se ne veniva più di uno, e spesso capitava, rinascevano anche i fagioli cannellini che si erano sgusciati durante la raccolta, e allora a fine settembre c’erano anche i fagiolini in erba per l’alimentazione dei contadini.

     

    I temporali alle volte erano talmente violenti da trascinare i cumuli dei covoni di grano sistemati provvisoriamente nei campi in attesa della trebbiatura.

     

    Però c’era anche l’opera “obbligatoria” del contadino che doveva pulire, con zappetta e pala, tutti i principali fossetti del podere; inoltre quando seminavano il grano a novembre, facevano dei solchi di traverso se il campo era in pendenza per cercare di evitare il dilavamento del campo stesso e con esso il seme del grano.

     

    Anche gli operai Cantonieri dei Comuni e di altri enti , con la stessa zappetta e pala pulivano le fossette laterali delle strade.

     

    Oggigiorno è cambiato certamente il modo col quale cade la pioggia, ma a maggior ragione ci sarebbe necessità di tener puliti fossetti, fossi e fogne.

     

    Roberto Borghi

    di Roberto Borghi

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...