venerdì 5 Giugno 2020
Altre aree

    “A Vertine la vendemmia si coniuga… con le salsicce alla brace!”

    Il vino è una costante di verbi coniugati all’infinito: potare, legare, pulire, ramare, cimare, sfogliare, vendemmiare, e a Vertine anche cuocere sulla brace.

     

    Nove mesi, come il tempo per la gestazione di un neonato, è l’uva, bianca per lo sfizio del vinsanto e del vino bianco, il sangiovese per il panello con l’uva, la prova di vino con la prima raccolta in una vigna giovane e quella a fermentare per il pregiato consumo quotidiano, che a fare brace e bere acqua, dice il dottore che fa molto male alla salute.

     

    Andrea Pagliantini

    di Andrea Pagliantini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: [email protected]

    Leggi anche...