spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Mezzi pubblici San Casciano/Firenze: una situazione imbarazzante”

    Buongiorno, ennesima "Sita" guasta in questo mese di giugno sulla tratta San Casciano/Firenze.

     

    Ormai questi mezzi di trasporto sono imbarazzanti. Finestrini sigillati o inesistenti per cambiare aria. Aria condizionata rotta o troppo funzionante. Tra l’altro la mattina presto, anche in pieno agosto, l’aria condizionata non è necessaria se ci sono i finestrini aperti o se vengono aperti gli sportelli sul tetto del mezzo (che purtroppo spesso sono rotti e ci piove pure dentro o con apertura manuale, e se l’autista è alla guida non può aprirli…). Mezzi sporchi, cattivo odore, seggiolini rotti.

     

    Quando una "Sita" si rompe, poi, molto spesso non viene neanche sostituita e siamo costretti a riversarci tutti sulla corsa successiva già strapiena a causa sia dei tagli previsti per la fine dell’anno scolastico, sia per i numerosi tagli delle corse in via definitiva nel corso degli anni.

     

    I colleghi nel senese non riportano le stesse problematiche che ogni tanto racconto loro, pertanto mi viene spontaneo pensare che forse noi del chianti siamo considerati cittadini di serie B… .

     

    Tutto questo per poi arrivare a Firenze dove non abbiamo neanche una situazione decente di organizzazione per Ataf. Mi sembra abominevole (ancora oggi…2018…) che le "Site" non siano coordinate con Ataf e tramvia.

     

    Ci sono zone dove passano più site e più mezzi ataf e zone difficilissime da raggiungere se non dopo un incastro infinito di tempo e 2/3 bus. Strapieni anche di turisti perché non siamo neanche in grado, pare, di aumentare il servizio nei periodi di super affluenza turistica. Carri bestiame ovunque per i pendolari del chianti.

     

    “Oh un dovevano arrivare i francesi che si sono aggiudicati la gara d’appalto”?

     

    Quando arriveranno davvero a dare un senso al trasporto pubblico di questa meravigliosa città e la sua fantastica provincia che si meritano un trasporto pubblico decente?

     

    Mi dispiace perché ho sempre creduto che si debba viaggiare con i mezzi in città. Ma dopo 30 anni (dal primo giorno delle scuole superiori) di abbonamenti e pendolarismo… viene solo voglia di prendere uno scooter e abbandonare tutto.

     

    Grazie per l'attenzione. Saluti

     

    Chiara Boldrini

    di Chiara Boldrini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...